sabato 24 novembre 2012

IO SONO ANARCHICO


Io sono anarchico.
Non voglio essere governato.
Non voglio essere ne’ costretto ne’ convinto a fare delle cose.
Voglio vivere in quella condizione di grazia (e perche’ poi deve esserlo solo di grazia?) in cui c’e’ il silenzio intorno. E puoi ascoltarti e decidere, persino con entusiasmo, di assecondarti.


al_terzo_doppio_whisky


giovedì 15 novembre 2012

DECRESCITA STICAZZI

"Signore
io sono Irish
quello che non ha
la 
MOTOZAPPA"




(AL_TERZO_DOPPIO_WHISKY)

domenica 9 settembre 2012

NAGA TUPHANA - CONVERSAZIONI RILEVANTI

E cosi', visto che faceva caldo, freddo, sete o non lo so, ci siamo fermati a fumare una cinquantina di sigarette invece di fare quello che tanto non ci fregava quasi niente di fare.
Adesso... forse e' vero che se non fossimo stati in campagna non avremmo affrontato quei discorsi. O che se fossimo stati un un centro commerciale avremmo parlato d'altro. Ma io non ci credo. Perche' io parlo d'altro quasi mai. Al limite sto zitto.
Dunque, parlando parlando fumando fumando non lavorando non lavorando, abbiamo tratteggiato l'apologia di reato che e' lo staccarsi da qualsiasi morale e condursi per cieli stellati oltre i confini della terra rossa, oltre i confini dei colori e oltre le bandiere i cui stendardi si macchiano dei peggiori crimini e dei migliori dolori. Insomma: abbiamo steso un progetto senza capo ne' coda e ci siamo raccolti a cerchio sopra una sola parola. Abbiamo definito improprio il termine “ora d'aria” e abbiamo rivalutato l'orgoglio, perche' da qualche parte bisogna prenderla la spinta. Abbiamo favoleggiato di possibilita' marchiane e di altre piu' plausibili somiglianze, e poi ci siamo accorti che qualsiasi cosa avessimo detto, per noi, alla faccia del freddo, sarebbe stata sempre estate. E che i ponti non sono cosi' scomodi come dicono e che in fondo basta un dito per levare all'orso tutto il braccio, anche fino sopra al gomito.
S'e' prospettato, immediatamente come possibile, un arcano dal passato. Una montagna, una valle, quattro case e l'orto. Nessuna strada. E s'e' ammirata con parsimonia e fierezza la forza che deriva dal poter “fare senza”. In fondo quello che vale e' la vicinanza. E la tendenza. Tante vite in una sola. Non dico tutte, ma il maggior numero che si possa.
Del resto come dimenticare che i Sioux avevano quattro virtu' di cui andare fieri, quando a noi restano solamente le macchine e i figli su cui far crescere il muschio delle frustrazioni?
E' quindi deridendo gli ortopedici e i loro parametri di buona salute che abbiamo mirato sopra ai defunti lividi nei centri commerciali, e sulle segretarie che al quarto passo scodinzolano prima di stramazzare.
Abbiamo derubricato le impossibilita' che ci fanno diversi da chi viaggia smolecolarizzato, e ci siamo detti che non siamo, no, il nostro corpo. Certo che non lo siamo.
E abbiamo concluso con l'evidenza dei fatti, ammirandoci un po' ridendo seduti sopra i sassi, che
solo gli anarchici sono belli, o insomma... solamente i ribelli. Quelli, nel cupo menefreghismo, s'inquietano e traggono dal limite estremo ogni stilla di sangue quando pioggia diviene e li innaffia. Aspettano chi freme, fremono e non temono nessuna minaccia. Scaraventano ogni peso e sbeffeggiano i deliranti osceni giochi. Selvaggi, a loro bastano sassi lisci, terra e foglie. E incorruttibili sono, perche' non si stendono su nessun tempo immemore, sopra nessun futuro, dato che ci si ribella nell'istante di non sopportazione, e mai per un paradiso promesso, per un sogno negato o per una scala di basalto che qualcuno da sotto ti ha levato. E incorruttibili rimangono, da sempre e per sempre, perche' annullano il tempo e il divenire urlando se stessi a squarcia gola sopra al mondo, e il mondo li osserva trema e poi vibra con un clamore armonico.
Ci si ribella in un tempo immobile, e' stata la conclusione. E si resta fermi nello spazio per sempre. E se anche durasse solo il battito di ciglia quel momento irripetibile, a pochi sarebbe stato concesso di incarnare cosi' tanta meraviglia.


al_terzo_doppio_whisky

lunedì 3 settembre 2012

PERDUTA (MA ERA UNA BATTAGLIA O LA GUERRA?)

Forse abbandonando il Pantano, dopo due anni di occupazione, non pensavo di perdere molto. Forse non pensavo affatto. Non piu', dopo due anni di logorio in pasto a giochi infami, a simulazioni politiche e a carne maciullata. Forse vedere passare i compagni sotto le bandiere, ognuno sotto la propria, mi aveva disarmato. E la benzina era finita, insieme alla voglia di bruciarle quelle bandiere.
Pero' ricordo le manifestazioni. Del paese tutto intero. E l'occupazione dell'allora Ipercoop, poi divenuto centro commerciale sterminato. Ricordo le baracche, le tende, e tutti i cani sciolti. Quelli che sono finiti invariabilmente male. Chi in un senso chi nell'altro. Salvo forse quel paio di eccezioni.  
Mi aspetto di vederli sorgere altrove, prima o poi, quei vecchi ragazzi. Perche' sono sicuro che anche se oggi languiamo distanti o sommersi, nessuno di noi e' cambiato. Nessuno di noi e' stato veramente sconfitto. 
Forse adesso facciamo tutti schifo. Ma siamo stati tutti meravigliosi, un giorno. 

A voi che passate di qui presento il nuovo avatar di Alpexex.
E' una foto scattata nel 2003.

Di seguito ne pubblico un'altra presa dal web.

Trovate le differenze.


(nuovo avatar)





(immagine presa dal web)


Ps
L'ultima volta che tornai alle baracche, quelle da cui fu scattata la foto delle tende e che in seguito vennero abbattute, passai una buona ora a leggere le scritte con le quali avevamo riempito i muri. Gli altri stavano fuori quella notte, distanti e in silenzio. Io sentivo l'eco di mille voci festanti. Quelle voci stanno dentro la mia testa. Chi e' stato testimone almeno una volta del meglio che sanno dare le persone, sa di essere invincibile.


al_terzo_doppio_whisky

lunedì 27 agosto 2012

CONSIDERAZIONI MUSICALI DOPO LA PRESENTAZIONE DELL'ULTIMO LIBRO DI GERARDINA COLOTTI

E' vero: anche qui, qualcuno, potrebbe fare suo il vespro, o il sole dell'Alba. E potrebbe puntare i fucili sugli oppressori. Potrebbe, quel qualcuno, farsi portavoce di fazioni allargate e saldate di fronte al pericolo di un invasore. L'invasore unico, che viene vestito da liberatore. Qualcuno potrebbe farlo, vestendosi lui stesso da liberatore. Qualcuno potrebbe raccogliere le istanze di mille particolarismi, di tutte le facce diverse cresciute a pane e superstizione. Potrebbe dire che la dignita' e' di ogni cultura, e magari sotto sotto trattare con gli stregoni. Da questa prospettiva pero', l'autodeterminazione dei popoli e la liberta' di religione, sembrano benedizioni all'ignoranza. Non esiste una sola bandiera che non sia servita infine come sudario ai morti ammazzati e contemporaneamente ai commensali papponi. E si, potrebbe arrivare qualcuno di forte, appoggiarsi alla carne della gente, e scalzare la classe dirigente. O trovare il puntello per farci gli affari piu' convenienti. A guardare indietro, in effetti, pare assodato che due blocchi in guerra producano muro e ombra. Lo Stato invece, produce sempre mafia. Il nazionalismo, razzismo. La patria, morti ed eroi, che poi sono quasi sempre la stessa cosa. Infine, chiedersi cosa voglia dire chiamarsi progressisti e fare fronte unico, contro l'imperialismo, insieme a crogioli di preti come l'Iran o insieme ad accozzaglie di clan camorristici berberi, e' pur sempre lecito. Come controbattere che se il pericolo e' immane, la morsa stretta, la disperazione alla gola, allora si invoca persino l'appartenenza nazionale, il dittatore, e ci si allea finanche col demonio.
E dire che scendendo al paese stasera Battiato cantava, e del diavolo proprio. Che sarebbe mancino, subdolo e suonerebbe il violino, cantava. E sulla questione, sembravamo tutti d'accordo.


al_terzo_doppio_whisky

lunedì 20 agosto 2012

CARO ANTONIO - PROMEMORIA

Caro Antonio, questa non e' una lettera ma un promemoria, anche se comincia con “caro Antonio”, la qual cosa potrebbe trarti in inganno.
Questo promemoria comincia con la parola “caro” perche' tu mi sei caro, e anche se mai te l'ho detto e mai tu nulla di affettuoso (se non una volta forse) hai detto a me, sono sicuro che lo sapevi che ti volevo bene, come io sapevo di farti molta simpatia. Negli anni, gli sguardi, ci hanno brillato piu' volte incrociandosi, forse perche' condividevamo, prima ancora che certe posizioni rispetto allo scibile e all'imponibile, anche il fatto di stare con donne in certo qual modo tra di loro simili. Insomma, quello che condividevamo io e te, era la rara e fresca complicita' in svariati eventi delle nostre separate vite. Quindi, come io ti ho sentito caro, cosi' anche tu devi avermi voluto bene, se non da subito, almeno nel tempo.
Questo promemoria, caro Antonio, non lo scrivo per te. Intestartelo mi serve solo ad aiutare la memoria, che a differenza tua, io non ho di ferro.
Questo promemoria e' per me infatti, perche' l'ultima volta che ci siamo visti ho dimenticato di dirti una cosa, e sicuramente desidero ricordarmene alla prossima occasione.
Quello che voglio dirti, Antonio, la prossima volta che ti vedro', e' che il fuscello si piega al vento, la canna non si spezza, ma la tartaruga muore se viene capovolta.
Tu di tartarughe non capisci un cazzo, e' evidente, altrimenti non avresti scelto quell'animale come modello a cui tendere.
J, invece, voleva diventare una quercia, ricordi? Ce lo diceva spesso, al bar, quando per sbaglio lo incontravamo. A te non piaceva J, e neanche a me piaceva molto. Perche' farsi piacere un raver bruciato con una lobotomia parziale stampata in fronte non e' semplice. Non per me, meno che mai per te, che rispetto a me sei sonoramente vecchio e poco incline alle droghe, anche se rispetto a me ti lanciavi volentieri in teorici apprezzamenti del sottoproletariato borgataro con la malattia a tuo dire curabile del fascio. Oggi anche io sono come te, poco incline allo sballo, ma questo di sicuro non lo puoi sapere, dato che sono talmente tanti anni che non ci vediamo che di sicuro di me piu' niente sai. Io invece di te continuo a sapere forse tutto, molto piu' di allora, almeno. E' ormai semplice sapere di te. O questo e' quello che mi sembra. Poi magari mi sfuggono realta' che ormai tu conosci, alle quali ormai tu sei dentro, e se cosi' e', scommetto che sei anche contento di avere avuto alla fine torto e torto marcio a proposito delle posizioni di intransigente materialismo sotto le quali ti barricavi. Del resto, avere ragione, e gia' all'epoca lo sostenevo, e' uno dei fatti piu' inutili e sopravvalutati nella vita delle persone. Magari oggi ne sei convinto anche tu.
Caro Antonio, tu hai sempre fatto la tartaruga. Con le tue braccia corte, corte da fare impressione, ma con la pacatezza che ti veniva da un sistema di pressione sovrumano. 
Dove arrivavano le tue braccia, li' segnavi, senza fare uno sforzo di troppo. Mi chiedo se la tua macchina ancora adesso (ma chissa' dov'e' adesso la tua vecchia macchina) abbia l'assicurazione appiccicata di traverso al centro del parabrezza. Guardandola, si poteva capire immediatamente dove saresti arrivato con la mano, spostando il braccio dal volante per toccare il vetro.
Non me la ricordo prima del 2003, la tua macchina. Forse ne avevi un'altra, ma ne dubito.
La prima sera in cui ricordo che ci salii, fu quando mi venisti a prendere alla stazione di O. E fu allora che mi dicesti quella cosa (forse) mezzo carina di cui scrivevo piu' su. Ridacchiando, dopo un po' che parlottavamo in viaggio dei processi e delle inchieste, tu mi guardasti di sbieco guidando e in un risolino dicesti che ero cresciuto. O che almeno cresciuto sembravo. Ti saro' per sempre grato di quel momento. Piu' ancora che del fatto di avermi iniziato alla geopolitica.
La tua macchina, Antonio, era un vero cesso. A montarci dentro, sembrava di stare come in una ceneriera. Probabilmente non lo sapevi che esistono i bidoni della monnezza e che nessuno ti premia se conservi tutti i pacchetti svuotati di Benson Blu. La cenere poi, la buttavi rigorosamente a terra, sui tappetini. Probabilmente ignoravi anche il fatto che un vetro si puo' riparare, e che se il finestrino si blocca, puoi cercare addirittura di sbloccarlo. Questo se proprio ci tieni a non usare il posacenere, e se come unica alternativa a ciccare dal finestrino ritieni utile e possibile solo sversare sul tappetino.
La sera che feci rientro in casa tua a M, c'erano anche F e altri compagni. F l'ho amato, degli altri compagni mi sono dimenticato. Forse era l'unico degno di nota, F.
Si e' vero, c'era anche M, il povero M, ma M prima che un compagno era un amico.
La casa in cui vivevi con tua moglie era un cesso peggio della macchina. Perche', caro Antonio, se non ce la fai a stare dietro ai loro bisogni, non ti pigli tre cani dal canile, di cui uno tutto nero e grosso come un maremmano. Le spalle Antonio, le tue spalle, me le ricordo strette, degne radici delle braccia corte. E se la tua compagna e' LEI, incontrollabile, passionale, ma anche sfasciata quel tanto che basta, ritrovarsi sulle spalle il baraccone da portare avanti non consiglia di aggravare la situazione acconsentendo ad adottare tre cani sballati. Ma tu Antonio miravi e hai sempre mirato a essere una tartaruga. Una tartaruga difficile da rovesciare, pesante, lenta ma decisa. Coriacea. E come una tartaruga procedevi sorridendo di tutti i malanni. Di tutte le imboscate che il mondo ti tendeva. Immacolato e intoccabile nella tua rigorosa logica. Beh Antonio, forse non potevi essere altro che una tartaruga, viste le spalle, la pressione e le braccia che ti ritrovavi, ma di tartarughe non hai mai capito un cazzo, e' evidente. Perche' le tartarughe vanno per la loro strada senza poter guardare, con scarso interesse alle distrazioni, corazzate e contente della lattuga, se la trovano sulla via. Magari mordono, soffiano e fanno male, sono temibilissime avversarie. Ma se le capovolgi Antonio, il gioco e' finito.
Ti ho sempre visto procedere con semplicita', nei pensieri e nelle azioni. Ti ho visto risolvere con lo spago guai a cui sarebbe servita una catena e con nastro isolante guai a cui sarebbe servito un cambio della conduttura del gas. O con la benzina e l'accendino, guai a cui sarebbe servito un decespugliatore. E ti ho sempre immaginato come una intelligente tartaruga che avanza guardando avanti, studiando i pochi dati a sua disposizione e facendone tesoro. Ma tu di tartarughe non capisci un cazzo Antonio, se pensi che sia un buon modo quello per fare politica, per opporsi, per non rischiare la vita. Perche' filare dritto e al proprio passo per la strada, mentre le bombe ti esplodono intorno, consente ai predatori di cambiare il percorso, cosi' da farti ritrovare su ponti tibetani e campi minati, li' dove facile e' venire capovolti. Come quella volta al presidio a V, a uno dei presidi, ti ricordi? Quando dopo aver tenuto contro ogni utilita' la piazza, ma solo per un ostinato orgoglio o per un passo da tartaruga, ti ritrovasti a fare il portavoce di fronte a questore e capisbirri. Beh tartaruga mia, possiamo anche ridere del tuo nome sul sito della polizia elencato tra i nemici pericolosi terroristi ai vertici di un movimento anarcoinsurrezionalista... te che eri addirittura comunista, ma se poi ti schiaffano nelle inchieste insieme agi anarchici e ti scavano il percorso in modo tale che a contrattare con gli sbirri ci finisci te, al margine di una giornata per certi versi gloriosa, allora vedi che stai senza saperlo su di un ponte tibetano, su di un campo minato e passo dopo passo procedi caparbio come una tartaruga verso il ribaltamento fatale? Cosi' Antonio visto che l'ultima volta non te l'ho detto, ora me lo segno, perche' non vorrei dimenticare di dirtelo anche alla prossima occasione: i fuscelli si piegano al vento, le canne non si spezzano, ma le tartarughe, se le capovolgi, muoiono. In galera, su un campo minato o dentro il letto d'ospedale al quale finiscono inchiodate. Anche se, in aggiunta a questo, ti diro' pure che tu sei morto da 5 anni, ma ancora io qui mi appunto cose da comunicarti mentre rimugino sulle tue strategie e sui tuoi pensieri. Sui tuoi passi di tartaruga, che ancora mi si muovono dentro. E allora forse si, le tartarughe se vengono capovolte sono finite. Ma questo a te, non e' ancora capitato.

PS
In definitiva, avere ragione, e' uno dei fatti piu' sopravvalutati e inutili nella vita delle persone, e' vero. Ma oltre quella, oltre la vita che si spegne col respiro, ci sono istanze irrinunciabili che il genere umano non potra' annichilire mai. E che nemmeno potra' ignorare per sempre.


al_terzo_doppio_whisky

lunedì 13 agosto 2012

CHI...?!

Questa settimana ho capito che per me, la Vezzali, puo' andarsene a zappare l'orto.

Come l'ho capito...?
Chi e' la Vezzali...?
Dove ha l'orto...?

Vi rispondo subito...

Qualche giorno fa sento un tizio al bar che divulga la notiziona scandalosa: l'Italia (chi...?!) paga centomila e passa euri a quelli che vincono (prendo atto: c'e' una gara con in palio centomila e passa euri e nessuno mi ha invitato a partecipare) un oro (“oro” non “orto”) alle Olimpiadi (prendo atto: contando che sono appena finiti gli Europei di calcio, ne deduco che adesso ne fanno due a stagione di ste robe).
E pare, sempre secondo il tizio, che gli altri Stati paghino molto meno i loro olimpionici.
Ecco, "non e' vero!", ribatte qualcuno. Il Kazakistan e l'Armenia (chi...?!) pagano piu' di noi (piu' di me sicuro: non c'ho 'na lira). Polemicone.
In due trance.
Seconda trance del polemicone: non va bene pagare premi cosi' alti perche' gli atleti percepiscono gia' stipendi statali essendo tutti arruolati nelle forze dell'ordine (ah si? sti' infami).
Contropolemicaccia: non fosse per il posto sicuro in polizia, la Vezzali (chi...?!) non avrebbe potuto partecipare a nessuna Olimpiade (proprio come e' successo a me, che manco mi hanno avvertito della gara) e l'Italia (chi...?!) non avrebbe potuto fregiarsi dei suoi successi.
Controcontropolemicone: eh ma il CONI (chi...?!) percepisce gia' i fondi (...prendo atto: come ai tempi in cui avevo la casa editrice, vengo a sapere dell'esistenza di fondi quando gli altri li hanno gia' spesi (o quantomeno quando possono gia' esibire ricevute...)) ogni anno e quindi non c'e' spreco se decide di suddividerli come vuole lui (si, lui: il CONI. Qualunque cosa esso sia).
Del resto meglio pagare gli atleti che usare quei soldi (si, ma quali soldi...?) per aumentare stipendi di presidenti e direttori (perche' non ci sono alternative alle due cose? io per esempio dovevo ancora pagare i due aperitivi, quella sera...).

Ecco, allora ho capito che per me, la Vezzali (qualunque cosa essa sia) puo' andarsi a zappare l'orto. Che per quanto mi riguarda le Olimpiadi possono andarsi a colorare i cerchi insieme agli Europei di calcio nella stanza dei giochi. E che chi si infervora per queste menate puo' andare a fare lo spaventapasseri nell'eventuale orto della Vezzali (chi...?!) ovunque esso sia.

Ps
Io sono sinceramente scettico sulla capacita' dello spaventapasseri che ha tirato fuori Kazakistan e Armenia di indicare uno dei due Paesi, a scelta sua, sul mappamondo.



al_terzo_doppio_whisky
(oggi, piu' che altro, alla decima doppia grappa)