venerdì 20 gennaio 2012

11 SETTEMBRE 1973 - LE MANI DI VICTOR JARA (SPLINDER, 11 SETTEMBRE 2011)

Noi, da parte nostra, non dobbiamo avere nessuna 
paura. Oppure avere tanto coraggio. Perche’ in 
verita’ non ci obbligano innanzitutto ad 
acquistare, ne’ ci obbligano innanzitutto a 
lavorare. Qua la prima cosa che cercano di fare, 
sempre, e’ spaventarci.
Oggi non ho certo voglia di radere le basette ai 
complottisti, di ricordare come in 10 anni ci 
abbiano ammazzato il mondo o di discutere se se 
lo siano lasciato fare, se gliel’abbiano fatto o 
se si siano in piena autonomia tirati addosso 
un tot di aerei di linea. Non me ne frega 
niente. E’ sotto gli occhi di tutti coloro i 
quali non sono nati col telefonino in tasca cosa 
c’e’ successo in questo decennio. Chi vuole ci 
ragioni, chi no si fotta. Se c’e’ una cosa che 
mi va di ricordare oggi, invece, sono le mani 
maciullate di Victor Jara. E magari anche quel 
foglietto in tasca che gli ritrovo’ sua moglie, 
con l’ultima canzone scritta, quasi sicuramente 
dentro lo stadio dove l’avevano sequestrato i 
militari, con tantissimi altri, nel settembre 
del 1973, in Cile. Quelle mani paradossalmente 
mi danno un po’ di coraggio. Perche’ mi mettono 
il dubbio che non sia stato trattato cosi’ solo 
per sfregio. Mi resta come il sospetto e dentro 
il sospetto il sogno, che forse quelle mani un 
po’ di fastidio l’avevano dato scrivendo e 
suonando, e che quindi questo infinito potere 
che cosi’ appunto, infinito e onnipotente si 
presenta, alla fine sia molto meno arcigno e 
saldo di quanto vorrebbe credessimo. E che non 
e’ l’autoritarismo a muovere la sua crudelta’ 
per mania o intransigenza, a gratis, quanto 
piuttosto la paura che i potenti hanno, 
dell’essere molto meno forti di una canzone 
cantata da un uomo che muore.

1 commento:

  1. COMMENTI SPLINDER
    #1 11 Settembre 2011 - 09:31

    Ignoravo la storia di Victor Jara. Purtroppo la vicenda dei desaparecidos è un'altra pagina nera per l'uomo. Uomini spariti ed uccisi in modo assurdo, altri uomini che facevano sparire persone pericolose. Che schifo.
    utente anonimo
    #2 11 Settembre 2011 - 09:59

    @anonimo sono contento allora che almeno a te sia servito questo post-mnemonico :))
    al_3_doppio_whisky
    #3 11 Settembre 2011 - 10:00

    riflessioni molto più profonde ed interessanti di qualsiasi versione ufficiale.
    clap! clap!
    utente anonimo
    #4 11 Settembre 2011 - 10:27

    @anonimo ci tocca farle. e anche ci piace. :)
    al_3_doppio_whisky
    #5 11 Settembre 2011 - 10:33

    ? gracias
    utente anonimo
    #6 11 Settembre 2011 - 10:33

    @anonimo :) grazie a te
    al_3_doppio_whisky
    #7 11 Settembre 2011 - 10:50

    E' troppo vero ciò che dici..! Il potere si basa sulla paura che incute e anch'io ho il sospetto, e dentro il sospetto il sogno, che sia come tu dici, che una canzone possa davvero rappresentare una minaccia per quel potere....Perchè una canzone vola e raggiunge chiunque e, se ha le parole e la musica giuste, fa entrare in risonanza altre menti, altri cuori...e dà speranza e coraggio....
    grazie Kap...bellissimo post
    utente anonimo
    #8 11 Settembre 2011 - 11:35

    Sono d'accordo ed anch'io ho il sospetto, e dentro il sospetto il sogno, che forse quelle mani un po’ di fastidio l’avevano dato. Il potere si basa sulla paura che incute e una canzone può essere molto efficace per contrastarlo...Un canzone, se ha le parole e la musica giuste., vola lontano, raggiunge tutti e fa entrare in risonanza altre menti, altri cuori....e dà speranza e coraggio.
    Bellissimo post, grazie Kap
    (luisa)
    utente anonimo
    #9 11 Settembre 2011 - 11:39

    @Luisa addirittura ti pubblica anche con due formati diversi dei caratteri... mah.. misteri della piattaforma :) grazie Luisa, li lascio entrambi i commenti...
    al_3_doppio_whisky
    #10 11 Settembre 2011 - 11:43

    già...tutti gli optional 'sto splinder...!!! grazie a te... :-)
    utente anonimo
    #11 11 Settembre 2011 - 12:43

    Sono sempre Sabrina, volevo farti conoscere una mia omonima cantante cilena, si chiama Francesca Ancarola, siamo entrambe originarie dello stesso paesino della Basilicata, entrambe nate nello stesso anno. Qualche anno fa fece un omaggio discografico a Victor Jara. volevo postarti la sua versione di Luchin. Comunque sul tubo trovi diverse cose sue, buon ascolto
    utente anonimo
    #12 11 Settembre 2011 - 13:26

    grazie Sabrina. non vedo i link ma provo a cercare da solo su yt....
    al_3_doppio_whisky
    #13 12 Settembre 2011 - 09:50

    bellissimo post. Grazie.
    Lali71
    #14 12 Settembre 2011 - 12:21

    p.s.: grazie per aver laciato entrambi i commenti...!! :-)))))
    Ciao kap...
    utente anonimo
    #15 12 Settembre 2011 - 12:47

    @Lali71 grazie a te, ben trovata
    al_3_doppio_whisky
    #16 12 Settembre 2011 - 12:48

    @anonimo Luisa non gliela daremo mai vinta a splinder... ;)
    al_3_doppio_whisky
    #17 12 Settembre 2011 - 13:30

    no...mai...!!! ;-)))
    (anonimo luisa)
    utente anonimo

    RispondiElimina