venerdì 20 gennaio 2012

CAMPAGNA DI RUSSIA + PSICOPATOLOGIA DEL PACIFISMO QUOTIDIANO (SPLINDER, OTTOBRE 2011)

CAMPAGNA DI RUSSIA
(12 NOVEMBRE 2011)


Noi potremo dire che lo sapevamo, che lo avevamo 
previsto. Gia’ quando tutti parlavano come 
parlano i televisori, dei problemi che sanno i 
televisori, dei guai che ti capitano se attacchi 
la spina o leggi un giornale scritto come si 
scrive una campagna pubblicitaria, o una 
campagna di Russia. Aprivamo la bocca stupiti, 
increduli di tanta becera superficialita’, e 
ammonivamo su quello che sarebbe venuto dopo il 
pupazzo, dopo questa attenta caricatura 
sceneggiata coi compari suoi, scelti ad arte per 
creare l’ambiente, per essere indicati come 
stupidi, inetti, rapaci e magnoni al momento 
opportuno. E il momento opportuno e’ adesso. 
Nessuna possibilita’ se non lo scontro. E’ la 
dittatura. Dal coro di colonna in rotta, solo 
voci all’unisono. Qualche disperso. Qualche idea 
diversa. Qualche ragazzo su qualche piccola 
barricata. 




PSICOPATOLOGIA DEL PACIFISMO QUOTIDIANO
(16 OTTOBRE 2011)


Bene signore, deve ricoverarsi in ospedale. Si si, adesso puo’ andare a prendere anche il gelato, ma dopodomani l’aspettiamo per cominciare la cura. Embe’, no, non e’ sicuro che guarira’. No, non c’e’ garanzia. Solo percentuali. Io non farei progetti a lungo termine comunque. Cioe’ si, li faccia mi raccomando, l’aspetto psicologico aiuta in questi casi. Ma ecco… non credo che in banca le daranno un mutuo ventennale per la casa nuova, dato che lei ha il cancro. Sisi, lei ha il cancro. Cioe’ lei adesso e’ di quelli che vengono irradiati. Essi’ cosa pensava? Che potesse capitare solo agli altri? Ahahahahahahh com’e’ spiritoso lei. Massi’, si vede che ci sa fare. Si e’ simpatico. Un vero compagnone. E fine anche, certo. Educato elegante. Malgrado cio’ ha il cancro signore. E’ la realta’. Come dice? Difficile da immaginare. Eggia’. Proprio prima della coppa Monte Bianco al bar Greco… Difficile. Come dice? Un momento fa era cosi’, e adesso.. Eh si… 


La gente non e’ abituata all’idea che prima o poi sara’ costretta a saccheggiare i negozi. Vedere l’eventualita’ concretizzarsi fa spavento. Opporre il rifiuto a un dramma, o peggio a una tragedia, e’ naturale.


2 commenti:

  1. #1 16 Ottobre 2011 - 21:19

    Non so se andrà così, certo che se ci penso raziolamente lasciando da parte i miei ideali e i miei sogni credo che una propsettiva del genere sia piuttosto concreta. Un cambiamento in qualche modo ci dovrà essere, sarà obbligatorio per l'umanità
    utente anonimo
    #2 16 Ottobre 2011 - 21:26

    chiaramente dietro le parole "saccheggiare i negozi" c'e' tanto altro e diverso.
    al_3_doppio_whisky
    #3 16 Ottobre 2011 - 21:43

    il sovvertimento delle situazioni comporta sempre una crisi profonda, se poi questo sovvertimento colpisce alla radice tutto ciò che di positivo (o apparentemente positivo...) sembrava di aver conquistato certamente non può che sconvolgere...provoca rifiuto...
    utente anonimo
    #4 16 Ottobre 2011 - 21:43

    p.s.: ero io qui sopra...luisaluz ...
    utente anonimo
    #5 16 Ottobre 2011 - 22:05

    @luisaluz e' un aspetto che mi ha sempre affascinato. mai letto Bassani, per esempio?
    al_3_doppio_whisky
    #6 17 Ottobre 2011 - 13:26

    ...sì, "Il giardino dei Finzi Contini"....null'altro....
    Tu ne sei affascinato...ma penso che la maggior parte delle persone ne sia terrorizzata... :-)

    Per quanto riguarda il paragone che hai utilizzato, c'è una cosa da sottolineare: mentre la malattia non è necessaria, il sovvertimento può esserlo, eccome...
    (luisaluz)
    utente anonimo
    #7 17 Ottobre 2011 - 14:11

    @luisaluz dal giardino dei finzi contini? eh un po' all'epoca mi affascino'... :)

    la cosa che s'e' capita e' che andiamo verso un macello.
    al_3_doppio_whisky
    #8 17 Ottobre 2011 - 20:45

    ...sì...affascinò pure me :-)

    si va verso un macello...già....
    (luisaluz)

    utente anonimo

    RispondiElimina
  2. #9 17 Ottobre 2011 - 22:19

    non andiamo verso un macello...siamo solo agli esordi di un mondo diverso che va oltre ogni possibile fantasia per quanto sarà diverso da questo...ma ci vuole ancora del tempo almeno un quarantennio.sarà un mondo leggero e senza smog...un mondo davvero socializzato...mi rendo conto che a leggere questo uno pensa che ho un ottimismo ingiustificato..ma non è così.....ho solo un senso proiettato nel futuro ma non è uno dei cinque e neppure il sesto ....ma non lo dico perchè il tempo è prematuro.
    ciao lupo...un abbraccio
    utente anonimo
    #10 18 Ottobre 2011 - 07:21

    oh che bello, una previsione fatta da una anticassandra :) io ho una visione molto meno sovraumana della tua. cioe' per me andiamo verso... si riferisce ai prossimi mesi, a quello che succede adesso. da qui a domani, da domani ad uno , due, tre anni... to... 5. quello che sara' tra 40 per quanto mi riguarda, e' qualcosa di lontanissimo. ma magari, fatto il macello, potrebbe anche esserci sto mondo pastello con gli uccellini che cinguettano sugli alberi.. chissa'. lo auguro ai mieii e ai vostri nipotini.
    al_3_doppio_whisky
    #11 18 Ottobre 2011 - 20:00

    è solo perchè non hai fede!
    pensavo che salutarti scrivendo ciao lupo...sarebbe servito a farmi riconoscere.... ma forse è passato troppo tempo!
    in ogni caso attento quando vai per i boschi con la luna piena....non farmi stare in pena! ^___^
    utente anonimo
    #12 19 Ottobre 2011 - 05:36

    ahahahahahahah massi' che ti riconosco, figurati. e la fede magari non ce l'ho, ma per il discorso che facevo e' determinante il fatto che tra 40 se ne avro' ne avro' quasi 80... l'eta' giusta per dire "sti cazzi"? non lo so, ma e' anche possibile :)
    al_3_doppio_whisky
    #13 19 Ottobre 2011 - 07:32

    sempre mattiniero vedo!!....cmq agli 80 ci arrivi...solo vedi di tenerti tosto...così da poter stare pure tu sugli alberi con gli uccellini....perchè quello sarà l'albero dei giusti.
    un bacio grande!
    utente anonimo
    #14 19 Ottobre 2011 - 11:22

    si ama come si sa e i passeri dormono sugli alberi :) dall'albero dei giusti non potrei che precipitare.. :)
    al_3_doppio_whisky
    #15 19 Ottobre 2011 - 18:21

    a quel tempo i giusti non avranno alcuna somiglianza coi giusti comunemente intesi oggi.

    " si ama come si sa ...." non è qualcosa scritto da te qualche tempo fa altrove
    utente anonimo
    #16 19 Ottobre 2011 - 18:48

    "chi ha tempo non aspetti tempo" (da leggere con la voce di Mimmo) :D

    sisi, e' uno dei finali di Anna su Narkotika.
    al_3_doppio_whisky

    RispondiElimina