sabato 21 gennaio 2012

MISERI, SPAVENTATI COGLIONI


Io davvero non lo so se mi fa piu' paura e indignazione il capitano Schettino, o l'accanimento terapeutico che tutto il genere umano si concede lapidandolo a parole. Capirei se i parenti e gli amici degli annegati volessero torturarlo personalmente, dopo averne legato il corpo al palo. Capirei se l'armatore volesse scorticarlo vivo nella piazza del Mercato. Capirei se gli scampati volessero annegarlo nella vasca da bagno per la strizza che gli ha fatto venire. Capirei pure se i superstiti volessero sgozzare l'armatore, che gli vende crociere a due soldi per farli annoiare, ingrassare e poi agitare fino quasi a impazzire. Ma in realta' la sola cosa che riesco a vedere qui, e' lo schifo espresso da chi nemmeno di passaggio si sente umano solitamente, e poi magari in questa occasione trova la possibilita'di partecipare alla catarsi collettiva lapidando la vittima sacrificale. Colpevole? E perche' no, colpevole di aver commesso il fatto. Ma davvero io non conosco capitani, non faccio crociere e non armo navi. Mi fa tanto piu' paura e indignazione un pilota di caccia militare capacissimo a fare il suo lavoro, che l'inetto Schettino. Ecco, se fosse uno come quello a guidare il treno che devi prendere stanotte? suggerisce qualcuno... Vorrei davvero vedere, davvero vedere, chi guidera' il mio treno. Non uscirei piu' di casa, se potessi farlo, forse. Eviterei anche le stazioni. Ma no, confermo: mi fa piu' paura questo appuntamento al linciaggio. Questo grosso agglomerato di mandanti che grida allo scandalo aspettando che si plachi il clamore. Che punta l'indice e si accanisce. Quindi si, capisco i familiari, gli amici, il dolore. Provo addirittura empatia per questo genere di cose. Ma nessuno puo' schierarsi con 50milioni di voci, quando contro, quelle, hanno in opposizione la sola di un misero, spaventato coglione.


Al_terzo_doppio_whisky

5 commenti:

  1. Credo che il Comandante abbia dimostrato inettitudine e negligenza, ma non è l'unico responsabile...anche se adesso è il capro espiatorio. La Costa Crociere prende le distanze da Schettino, ma innanzitutto sono loro che lo hanno messo al comando, e ...un dipendente, anche se in un ruolo di comando, è comunque un dipendente non propriamente libero di dire di No ad alcune ''prassi''.

    RispondiElimina
  2. qualsiasi ragionamento che sostituisca l'accanimento su di una persona e il linciaggio, mi e' simpatico e di conforto. ciao Artemisia.. :)

    RispondiElimina
  3. ...io la penso come te grande Kap...E queste notizie che scatenano il linciaggio collettivo sono sempre quelle che deviano l'attenzione da fatti più gravi...e i media ci si soffermano per secoli...

    RispondiElimina
  4. esatto grande Luisa! un aspetto fondamentale. e' un fenomeno che si basa sulla stupidita' psicosociale. milioni di ottusi che gridano "FORCA PER L'ASSASSINO" e magari ciascuno di loro e' un assassino, o peggio ancora, non sanno che per costruire quella forca si sono uccisi e depredati chissa' quanti popoli. per restare sulla terra... siamo nel giro di quelli che urlano "GALERA PER IL LADRO" e poi per costruire quella galera... tangenti su tangenti.

    RispondiElimina
  5. sì, infatti è così...quanta ottusa, manovrata cecità !!!

    RispondiElimina