giovedì 12 aprile 2012

OGGI HO VISTO

Non so cosa ci troviate da festeggiare. Ok, Craxi dimissionario, Craxi in fuga, in esilio. E giu' a tirargli monetine.
Vuoi anche queste, Bettino vuoi anche queste.
Cori da stadio.

Poi il nano. Quanti anni di nano? Coi nani amici suoi, e giu' mignotte e giocolieri, la donna barbuta all'opposizione. E il nano cade, da poco alto quindi si fa anche quasi niente male. E di nuovo sti scemi in piazza a cantare bella ciao, tutti contenti.
E' finita e' finita. Mah... a me sembrava nemmeno cominciata.

Poi arriva il salvatore della patria, l'altro burattino, l'altro dipendente, il funzionario, il killer. Poliziotto buono e poliziotto cattivo si passano la palla in scolpita successione, tanto che il buono diventa sempre piu' cattivo e il cattivo sempre piu' spudorato.
Gioite un po' meno, adesso vi date persino fuoco. Perche' non c'e' fido, perche' fallite, perche'... perche' la vita non e' roba che fa per voi. Semplicemente.

E adesso Bossi e poi Vendola. E tutti a dire, evviva evviva, ladroni in casa nostra, via di qui, e il Trota, e Calderoli e tutta la carriolata di scemi che dipende da come li inquadra la tv e risultano piu' o meno simpatici, piu' o meno capaci, piu' o meno famosi e utili allo scopo.

Svegliatevi e piuttosto affittatevi un dvd.

PS
Pensate ad un film, uno che conoscete e vi piace. Pensate al perche' vi piace. Pensate al soggetto, alla sceneggiatura, alla regia, alla colonna sonora, a quando l'avete visto per la prima volta, alle luci, agli attori, ai personaggi. Cercate di capire per chi fate il tifo, in quel film. Per il protagonista? Per l'antagonista? Per il vecchio mattatore che regala un cammeo nella pellicola? E poi chiedetevi per quale motivo tifate per quello. Chiedetevi se la simpatia che nutrite e' legata alla trama, al soggetto, all'attore o al personaggio. O all'eta', alla compagnia, alla situazione relativa alla prima volta che l'avete guardato. E chiedetevi anche se riuscite a slegare il personaggio dall'attore e dalla storia. E poi ricordatevi che e' solo una storia. Quella del film che conoscete, di cui vi sembra di sapere tutto, e' solo una storia.  

al_terzo_doppio_whisky

21 commenti:

  1. Storie di tutti i giorni, vecchi discorsi sempre da fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei la donna ideale per mio cugino. hai mangiato il ripieno dei jbox degli anni ottanta...

      Elimina
  2. Si un bel film! E gli spettatori continuano a pagare il biglietto, sempre piu caro, per uno spettacolo scadente, volgare, ignobile.....e ora mi verrebbero parolacce per cui mi fermo. A presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui e' un po' come in Fantozzi.. a casa sua la liberta' era al rutto, su IMDUU e' alla parolaccia. ma uno se crede puo' anche ruttare :)))

      Elimina
  3. il mio film preferito è la mia africa, il personaggio che mi piace è la protagonista...questa donna apparentemente fragile ....ma di fatto estremamente tenace nel difendere la sua terra ...tenace fino ad umiliarsi per difendere i diritti di quelli che nessuno difende...una capace di inventare racconti per il suo uomo quando le è vicino...ma anche di vederlo volare via incontro alla sua voglia di libertà... una capace di sorseggiare thè in delicate porcellane con fine savoir faire....ma anche di affondarle nella terra per salvare il raccolto. p.s. il film era a piacere...o quello di questo paese?...in ogni caso conosco molte persone che in quest'ultimo film....hanno la stessa tenacia e forza d'animo della protagonista del film che amo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il film era a piacere. si consigliava di capire cosa del film a piacere ci piace. ci fottono le mitizzazioni. tra le altre cose... :)

      Elimina
  4. mi piace la protagonista, l'ho detto, perchè mi somiglia nel suo agire....quindi la mitizzazione non c'entra, si tratta caso mai di immedesimazione. in politica poi, non ho mai miitizzato nessuno, ma mi rendo conto che è un processo comune a molti. le altre cose che ci fottono, meriterebbero un capitolo a sè, meglio chiudere qui.(f.to Lupacchiotta)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dove c'e' la capra non c'e' il cavolo. a meno che non si incontrino in una pentola... :)

      Elimina
    2. mi sfugge il senso! (spero sia un fatto dovuto alla stanchezza, ma non ci giurerei)

      Elimina
  5. vuoi dire che non ho capito niente, neanche il senso del tuo post?! ;(

    RispondiElimina
  6. Un po' di godimento nel vedere i padanos arrampicarsi sui vetri per difendere l'indifendibile, beh quello si, me lo devi concedere.
    Detto questo io faccio il tifo per il replicante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (del resto abbiamo visto cose che voi umani...)

      Elimina
  7. E' solo una storia quella del film...già...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "mio padre ha una storia comune" :) conosci la canzone?

      Elimina
  8. certo... :-) "condivisa dalla sua generazione..."
    Quando è morto Fabrizio De Andrè ho vissuto un dolore davvero profondo e mi manca ancora...mi mancano le sue canzoni che sempre sapevano sottolineare con sensibilità e intelligenza gli aspetti della realtà in cui viveva. mi ha influenzata molto con le sue parole e le sue idee...Posso dire di aver ritrovato un po' questo ruolo in te... :-)

    RispondiElimina
  9. ops...la febbre mi fa brutti scherzi....mi son ricordata ora che veramente la canzone era di de gregori :-))) ma io l'avevo ascoltata da de andrè....Vabbè, il discorso è pur sempre quello :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ehm....... eehhhmmm.... erieeeehhhm....

      (Grande Luisa, riguardati!!!!)

      Elimina
  10. :-)))
    grazie Grande kap :-)
    tra antibiotici e antipiretici mi sto trasformando in una farmacia ambulante....

    RispondiElimina